L'esercizio per la Memoria del Vajont - oltre al significativo e doveroso ricordo delle vittime - vuole anche essere un invito a riconsiderare il dissennato uso del territorio, a riappropriarci del diritto/dovere di essere presenti e di indignarsi quando l'ambiente è violentato. Andare in bicicletta è uno dei modi per dare una delle tante risposte possibili alla nuova tragedia annunciata dei cambiamenti climatici, la stessa tragedia annunciata che si verificò il 9 ottobre 1963 alla diga del Vajont con duemila morti in pochi istanti.

Il Progetto Vajont è stato possibile grazie all'indispensabile appoggio del comune di Borgosatollo (Brescia) con l'allora assessore con delega alla Cultura Giuliana Lombardi, dall'amico Daniele Berton, da Angelo Binosi della FIAB-Brescia Seminalabici e dagli straordinari Amici della bici FIAB di Belluno dell'insostituibile Bortolo Calligaro; ma questo sforzo per l'esercizio della Memoria sarebbe stato del tutto inefficace se durante il nostro "pedalare" non avessimo incontrato la giornalista e scrittrice Lucia Vastano assieme ai Cittadini per la Memoria del Vajont ovvero Carolina Teza, Mario Pozzobon e la moglie Mirella oltre al sostegno del sindaco di Erto Luciano Pezzin: a tutti costoro va il nostro incondizionato grazie.

 

 

 

 


 

 

la galleria fotografica del 2008

la galleria fotografica del 2009

la manifestazione al Vajont del 2008 su Repubblica.it

qui tutte le pagine dedicate al Progetto Vajont

Privacy  -  Informativa cookie
Statistiche     

Questo sito utilizza cookie per scopi funzionali. Continuando a navigarci ne accetti le condizioni.